Serie B: Lorenzo Baldoni la decide a Chieti con un gioco da tre a pochi secondi dalla fine

stamura-campetto-luciana-mosconi

Se quella contro il Teramo è stata una vittoria memorabile quella ottenuta sul campo di Chieti è a dir poco sensazionale. Secondo successo consecutivo per la Luciana Mosconi Ancona che veste i panni di matricola terribile e si permette il lusso di violare il PalaTricalle di Chieti, casa di una delle maggiori candidate alla vittoria del campionato. La squadra di Marsigliani ha interpretato alla perfezione il piano partita imbrigliando i quotati padroni di casa e rimanendo aggrappata all’incontro anche nei momenti di difficoltà. E proprio da uno di questi (dorici sprofondati a -10 dopo 3′ di ultimo quarto) è nato lo scatto finale che ha prima permesso ai bianconeroverdi di tornare subito in carreggiata, e poi di piazzare il colpo finale che è valso la vittoria. Tra gli anconetani ancora super Simone Centanni (23 punti con 4/7 da tre) ma chiunque è sceso in campo ha dato il suo preziosissimo contributo e alla fine è stata una grande vittoria di squadra come ha sottolineato lo stesso coach Marsigliani in sala stampa a fine partita.

Il PalaTricalle di Chieti si riveste a festa nella giornata del debutto dell’Europa Ovini che riaccende dopo un anno i riflettori del bellissimo impianto teatino. La Luciana Mosconi non è scesa certo in Abruzzo per fare la vittima sacrificale e sin dall’inizio lo fa capire. Ancona conduce sul 12-10 con Simone Centanni gia ispirato (8 punti nel primo quarto), Di Emidio segna il sorpasso biancorosso (14-13 a -1’18” dalla prima sirena) ma Ancona chiude avanti la prima frazione con i liberi di Redolf e la tripla sulla sirena da metà campo del maggiore dei fratelli Centanni (18-20).

E’ buono anche l’inizio di secondo quarto per la Luciana Mosconi che tocca il +8 (20-28) grazie a un gioco da tre punti di Casagrande. I locali sembrano impacciati e trovano punti soltanto dall’under Meluzzi (di gran lunga il migliore dei suoi). A 4′ dall’intervallo Filippo Centanni commette il terzo fallo e deve essere gestito. Ancona rimane a +7 (26-33) prima che Chieti trovi con Gialloreto e Meluzzi gli spunti per rimontare fino al sorpasso (34-33) con il contropiede dopo rubata di Gueye. Le squadre tornano negli spogliatoi dopo l’1/2 di Casagrande che fissa un meritato pareggio a quota 34.

La ripresa è aperta da un doppio Polonara. Movimento in area per due conclusioni vincenti per il lungo che risponde all’inizio teatino firmato da Ponziani e Di Emidio. Dal 41 pari è Di Carmine a caricare i suoi fino al 45-41. Baldoni e S.Centanni trovano un paio di triple che fanno rimanere in scia gli ospiti con la Luciana Mosconi che finisce anche a -9 (53-47) dopo il tiro da tre vincente di Staffieri. I locali riescono a innescare anche il folto e passionale pubblico presente ma la Luciana Mosconi non è morta e il gioco da tre punti di Ale Luini in pratica a fil di sirena indica che tutto è ancora in gioco (56-50).

Polonara imbeccato da Luini apre i giochi dell’ultimo quarto (56-52) ma Chieti apre i fuochi da tre punti e in pochi attimi si trova avanti di 10 punti. Le triple di Meluzzi e di Gialloreto scrivono 62-52 sul colorato tabellone del PalaTricalle. Ancona sembra sui fianchi anche perchè mostra qualche segno di cedimento anche dal punto di vista mentale. A riaccendere le speranze dei neri di Marsigliani ci pensa però Valerio Polonara che segna due triple incredibili. Piedi per terra, e lasciato in solitudine, “Polo” non perdona e i dorici dimezzano lo svantaggio. Filippo Centanni rientra in campo e segna in entrata premiato da un servizio al bacio proprio di Polonara. Ancona è tornata in vita e il 2/2 di Simone Centanni la mette a -2 (64-62) a 5′ dalla fine. C’è il pareggio di un beccatissimo Casagrande al quale risponde Di Carmine. A 3′ dalla fine Chieti torna avanti con l’entrata di Di Emidio (68-64) ma ci pensa ancora SC6 a segnare e a dare ossigeno ai suoi. Gli ultimi due minuti di partita si presentano con gli abruzzesi in vantaggio 70-66 dopo il piazzato di Gialloreto. A 1’42” dallo stop c’è un fallo dello stesso ex Fabriano che manda su tutte le furie pubblico e squadra di casa. Coach Sorgentone entra protestando in campo e si becca il tecnico con i decibel del PalaTricalle che aumentano a dismisura. Centanni e Baldoni capitalizzano i loro viaggi in lunetta e la Luciana Mosconi è a -1 (70-69). Chieti segna con Di Carmine, un opaco Gueye esce per 5 falli quando c’è solo un minuto da giocare. Casagrande segna solo il primo dei due liberi e Ancona va a -2 (72-70). Chieti sbaglia il suo attacco. A -44″ dalla fine Ancona ha un’occasione incredibile. Baldoni in area è dominante e con un movimento dei suoi riesce a segnare e a subire fallo. Gioco da tre punti convertito e Ancona in vantaggio a 19″ dalla fine. Chieti ha l’ultima occasione, Sorgentone disegna l’attacco nel suo timeout per vincere. La Luciana Mosconi si mette in difesa, passano i secondi e Chieti opta per la penetrazione centrale ma Gialloreto va a sbattere contro il muro di maglie nere. Palla persa e arriva l’urlo dei dorici nel silenzio del PalaTricalle ammutolito dalla sirena finale. 72-73 anche questa non la dimenticheremo facilmente.

Europa Ovini Chieti – Luciana Mosconi Ancona 72-73 (18-20, 16-14, 22-16, 16-23)
Europa Ovini Chieti: Davide Meluzzi 19 (5/5, 1/4), Gianluca Di carmine 12 (5/9, 0/1), Edoardo Di emidio 10 (2/4, 1/2), Ousmane Gueye 9 (2/4, 1/2), Fabrizio Gialloreto 7 (2/3, 1/1), Valerio Staffieri 7 (1/2, 1/2), Riziero Ponziani 4 (2/3, 0/0), Bogdan Milojevic 2 (1/2, 0/1), Enrico Pappalardo 2 (1/2, 0/0), Emanuele Sigismondi 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 15 / 15 – Rimbalzi: 29 6 + 23 (Valerio Staffieri 12) – Assist: 15 (Edoardo Di emidio 7)
Luciana Mosconi Ancona: Simone Centanni 23 (3/8, 4/7), Lorenzo Baldoni 14 (2/5, 2/3), Valerio Polonara 12 (3/6, 2/2), Riccardo Casagrande 9 (2/5, 0/1), Filippo Centanni 7 (2/4, 1/2), Alessandro Luini 5 (2/2, 0/0), Matteo Redolf 3 (0/1, 0/1), Sergio Maddaloni 0 (0/1, 0/1), Alessio Zandri 0 (0/0, 0/0), Lorenzo Pajola 0 (0/0, 0/0), Tommaso Cognigni 0 (0/0, 0/0), Yannick Giombini 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 18 / 22 – Rimbalzi: 18 3 + 15 (Valerio Polonara 6) – Assist: 12 (Simone Centanni 3)

Altri articoli che ti potrebbero interessare

About Emanuele Muzi 2588 Articles
Ha militato in quasi tutte le società cestistiche tra Ancona e Chiaravalle, sospendendo la pallacanestro giocata nel 2011 dopo due buone stagioni al P73 ma rimanendo fortemente ancorato al gusto per il basket raccontato.