Basket: Dal 2018 moviola in campo obbligatoria anche nei campionati minor

replay
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePin on Pinterest

La decisione è ormai presa, e arriva in sordina proprio mentre quasi tutti i campionati sono già alla fase di playoff/playout.

instant-replayDopo la sperimentazione già avviata negli scorsi anni nei campionati professionistici (la Serie A la impiega già dal 2014), ora l’Instant Replay diventa obbligatorio anche nei campionati minor regionali, e proprio come nelle serie maggiori si potrà utilizzare alla fine dei 24 secondi e di ogni periodo di gioco (regolare o supplementare) per verificare il canestro realizzato sul filo della sirena, per l’infrazione di campo, per fallo o violazione prima/dopo il suono della sirena, sull’assegnazione dubbia della rimessa, sui dubbi sui tiri da 2 o 3 punti realizzati in diretta prossimità della linea dei 6,25 metri, sulla interferenza a canestro e sull’identificazione dei giocatori coinvolti in una rissa.

Se da una parte questa novità tecnica porterà sicuramente più certezza nei casi dubbi che spesso portano a frizioni in campo (che nei campionati minor non mancano certamente), dall’altra molte società sono spaventate dal non trascurabile investimento che si nasconde dietro a questa nuova norma.
Ad oggi il costo di un impianto completo per l’Instant Replay oscilla tranquillamente tra i 3000 e i 12000 euro a seconda del produttore e dal tipo e numero di videocamere richieste; in base alla conformazione dell’impianto sportivo potrebbe essere infatti necessario installare più di un sistema di videoripresa per coprire efficacemente tutto il campo da gioco (ad esempio nelle palestre piccole o nei palazzetti con poca spazio ai lati del perimetro di gioco).

A tale spesa vanno inoltre aggiunti i corsi di formazione per il personale delle società che dovrà essere preparato per l’utilizzo e che dovrà essere presente durante tutte le partite di campionato disputate in casa.

In anni in cui per le piccole società regionali è già molto difficile mettere insieme i soldi per iscriversi ai campionati (iscrizione, tasse gara, tesseramenti, affitto impianti, …) sicuramente è una bella tegola.
La norma prevederà l’obbligatorietà per singolo impianto, quindi è probabile che le società che condividono lo stesso campo di gioco potrebbero suddividere la spesa, ma anche in questo caso l’investimento non è banale.
Il discorso economico si complica ulteriormente se l’impianto è comunale: quanti comuni avranno la capacità di spesa di “messa a norma” degli impianti pubblici?

E le società che non adotteranno il sistema?
Essendo un dispositivo obbligatorio, l’Instant Replay verrà probabilmente inserito nell’elenco delle attrezzature indispensabili per l’inizio della gara (alla stregua dei 24 secondi o del cronometro per intenderci) e quasi sicuramente ne condividerà anche lo schema di sanzioni e provvedimenti in caso di mancanza o malfunzionamento.

Mala tempora currunt per le piccole società…

Altri articoli che ti potrebbero interessare

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePin on Pinterest
About Alessio Marinelli 1308 Articles
Fabbro cestistico di pluriennale esperienza, momentaneamente fermo per un crociato schiantato. Veste i colori del P73 Conero dal 2005 e si è posto l'obiettivo di portare il basket minor alla ribalta delle cronache sportive.