Andiamo a canestro tutti insieme! Riflessione della presidente Rf Alessandra Gallo

Desidero ringraziare il prof. Paolo Bianconi del Centro Minibasket Robur Osimo per la bella manifestazione organizzata, il “Torneo Minibasket Antonio Luna”, a cui partecipiamo anche noi di Robur Family da tre anni con i nostri mini arbitri e gli ufficiali di campo. Vedere tutti questi ragazzi al PalaBellini che giocano a pallacanestro, con tutte queste famiglie riunite, ed essere fianco a fianco seduti sulle panche per premiare insieme alla dirigenza di quasi tutte le società cestistiche di Osimo, mi portato a questa riflessione. Mi piacerebbe che all’indomani di questa manifestazione tutte le società sportive di Osimo, ognuna con le proprie finalità e le proprie competenze e nel rispetto reciproco delle stesse, lavorassero e collaborassero, con un unica finalità, che è quella dello sviluppo e del consolidamento del basket cittadino, avendo al centro del progetto la crescita dei ragazzi. Quindi il Centro Minibasket che si occupa dai piccolissimi fino agli esordienti, la Robur Family dall’ under 13 alla 20, ed il bel panorama delle squadre senior che si è creato, dalla C con la Robur Osimo, alla D con il Basket Auximun, alla Promozione con la Futura e la Probasket, per permettere lo sviluppo dopo l’under 20 dei ragazzi, secondo le loro capacità. Penso che solamente lavorando tutti nella stessa direzione, e con gli stessi obiettivi senza pregiudizi o altro, si potrà far vincere lo sport, la pallacanestro in particolare, e si potrà riportare Osimo nella dimensione che merita a livello di basket regionale e nazionale. In questo senso stiamo già collaborando attivamente per la prossima stagione e con lo stesso spirito visto ieri al Torneo, gradiremmo si ampliasse in un vero e proprio tavolo di confronto costruttivo al fine di premiare i giovani ed il basket cittadino per andare a canestro tutti insieme.

Alessandra Gallo

Presidente Robur Family

Altri articoli che ti potrebbero interessare

About Emanuele Muzi 2169 Articles
Ha militato in quasi tutte le società cestistiche tra Ancona e Chiaravalle, sospendendo la pallacanestro giocata nel 2011 dopo due buone stagioni al P73 ma rimanendo fortemente ancorato al gusto per il basket raccontato.