Basket Mercato: Diego Giacchetti vicino alla firma in B1 – Intervista completa

gs-adriatico-2015-2016

Diego GiacchettiOggi siamo in compagnia di Diego Giacchetti, “vecchio” compagno di squadra e volto conosciuto del Basket Minor, che per motivi di lavoro e di carriera cestistica ha lasciato Ancona.

Ciao Diego, raccontaci un po’…
Ebbene sì, da un mesetto mi sono trasferito a Torino per iniziare una avventura lavorativa e per affrontare un panorama cestistico sicuramente più stimolante rispetto alla realtà anconetana fatta ormai di poche squadre e derby continui.

Ma a Torino ci sono i kebabbari buoni?
Mhm …nulla di paragonabile a quelli che si sono in Ancona!

Quindi ora con il basket?
Un mio collega è uno dei dirigenti di una squadra di B1 di Torino (di cui in questa fase delle trattative non posso ancora fare il nome) e mi ha invitato a fare un allenamento/provino. Ti dico soltanto che ho sparato subito da nove metri tre bombe in faccia al loro straniero di punta… mi vogliono tesserare per i playoff.

Ma come, dopo un solo allenamento già ti vogliono tesserare?!?!
Si sono subito documentati: hanno visto diversi video di quando giocavo alla Stamura (soprattutto quello della storica partita contro il PGS OrSal), hanno telefonato a diversi miei ex coach… e poi garantisce per me il mio idolo Teodosic!

Nel caso allora avrai il tifo di tutti i tuoi amici anconetani…
Dopo aver per anni dato lezioni ai vari Poggiaspalla, Bobo Monopoli; Fede Recanatini… mi sembra il minimo che tifino per me!

Ma lo sai che si ’nu pagliaccio?
Ah, ah, mitico Vincenzo. Devo tutto a lui… se sono diventato così forte è merito suo. Mi ha sempre stimolato a dare il meglio di me in campo.

 

 

Crediti: foto di testa GS Adriatico 2015/2016 https://www.facebook.com/adriaticodentrohttp://www.gsadriatico.it

 

Altri articoli che ti potrebbero interessare

About Emanuele Muzi 2602 Articles
Ha militato in quasi tutte le società cestistiche tra Ancona e Chiaravalle, sospendendo la pallacanestro giocata nel 2011 dopo due buone stagioni al P73 ma rimanendo fortemente ancorato al gusto per il basket raccontato.