Serie B: Matija Jovovic commenta la sconfitta della Sutor a Piacenza

LA SUTOR LOTTA FINO ALL’ULTIMO TIRO MA A PICENZA LA VITTORIA SFUGGE PER UN SOFFIO

Piacenza,29 Gennaio – Ci è andata veramente vicina questa volta la Sutor che ha lottato su ogni pallone e in ogni centimetro di campo contro una mai doma Bakery Piacenza. Si è deciso solamente negli ultimi secondi un torno infrasettimanale che vede ancora una volta i ragazzi di coach Ciarpella uscire dal campo con l’amaro in bocca nonostante la prestazione maiuscola e per non essere riusciti a conquistare la prima gioia di questo stregato 2020.

Dopo la sconfitta al fotofinish alla Bombonera contro Giulianova per la Sutor la sfida alla Bakery Piacenza era l’occasione di ottenere una vittoria, che manca in trasferta oramai da troppo tempo e che avrebbe permesso agli uomini di coach Ciarpella di guardare la classifica con maggiore serenità, visto il gruppone dei playout che ormai ha inglobato anche la Premiata. La partita sicuramente si presentava molto complessa considerando che si giocava in uno dei campi più caldi della serie B e in più di fronte la Sutor aveva un avversario decisamente ben costruito ed allenato. Entrambi i team erano reduci da una sconfitta maturata nel rispettivo ultimo scontro e in questo turno infrasettimanale si sono sfidate con il coltello tra i denti per voltare subito pagina. Il quintetto titolare schierato da coach Marco Ciarpella prevedeva il solito Caverni in cabina di regia con ai lati Lupetti e il nuovo arrivo Rovatti, mentre ad agire sotto le plance ci hanno pensato Polonara e Panzieri, unica defezione Francesco Ciarpella rimasto in panchina a seguito del problema alla caviglia patito nell’ultima gara contro Giulianova. Dopo un toccante minuto di silenzio in onore di Kobe Bryant, la gara si è aperta su dei buoni ritmi con Cena a trovare subito il primo canestro con fallo della serata ma è anche repentina la risposta della Premiata che con Rovatti realizza la tripla per un immediato equilibrio, il tutto nel primo minuto di gioco. Piacenza prova a scappare sul 7-3 ma è ancora il volto nuovo di casa Sutor che con una bomba dall’angolo riesce a fare star i suoi con il fiato sul collo dei padroni di casa. La prima metà del quarto continua punto a punto ma per la Sutor è sempre Rovatti a dare qualità e quantità tant’e che a 5’42’’ riesce a piazzare addirittura la tripla che vale il sorpasso gialloblù sull’11-13. I padroni di casa rispondono ma il play gialloblù Caverni si alza dalla linea dei tre punti e piazza il canestro che vale il 13-16 costringendo coach Campanella a chiamare il primo time out del match. La pausa fa bene ai biancorossi che si rimettono subito in carreggiata trovando in De Zardo la forza per rimettere il naso avanti sul 19-16 a quasi due minuti dalla fine del periodo. Gli ultimi frangenti dei primi dieci minuti di gara sono caratterizzati da qualche errore sotto canestro, soprattutto della formazione piacentina, e ad approfittarne è la Sutor che a 17’’ secondi dalla fine pareggia i conti con la tripla di Jovovic e poi sulla sirena è anche capace di finire il quarto in vantaggio sul 20-21 grazie al canestro di Lupetti. Il secondo periodo inizia con il due su due dalla lunetta di capitan Di Angilla, cosa che non riesce ad Artioli un minuto dopo, con Piacenza che nei primi istanti del quarto non vede l’ombra di un canestro. Brindelli e Pedroni riescono di colpo a trovarne due in fila e così i padroni di casa passano avanti, con la Sutor che a differenza del primo quarto comincia ad avere qualche problema in fase di realizzazione. I gialloblù grazie all’entrata di Rovatti a metà quarto riiniziano a macinare punti che non cancellano comunque qualche errore di troppo e così Cena a 4’23’’ dall’intervallo lungo finalizza al meglio un’azione di contropiede che porta i padroni di casa sul 30-25. Coach Ciarpella chiama un quasi obbligatorio time out e la Sutor al rientro in campo sembra un po’ ritrovarsi ma Piacenza continua a tenere duro fino a quando però l’ennesimo sbaglio sotto canestro fa partire il contropiede gialloblù che viene capitalizzato alla grande da Rovatti che si va anche a prendere il fallo. Il numero 14 mette a segno il canestro aggiuntivo del 34-34 a 36’’ dal termine e in ultima battuta è Polonara a realizzare i due punti che valgono il vantaggio sutorino sul risultato di 34-36 alla fine del primo tempo, con Pedroni che fallisce la tripla sulla sirena. La seconda parte di gara inizia con Cena che fa bella mostra delle sue qualità sotto canestro andando a pareggiare i conti ma la Sutor questa sera non si fa impressionare e dopo tre minuti è Panzieri a mettere a segno la tripla che vale il 36-41 gialloblù. I biancorossi continuano ad essere imprecisi e alla metà del terzo quarto il tabellone luminoso recita il +10 Sutor che segna così il primo vero allungo della serata. La reazione piacentina passa dai 4 punti di Birindelli che uniti ai 2 di De Zardo consento alla Bakery di rifarsi sotto sul -4 a 3’42’’ dal termine del quarto. Coach Ciarpella capisce il momento difficile e chiama il break ma al rientro Piacenza continua a premere sull’accelleratore e, a 2’10’’ dal termine, gli sforzi biancorossi vengono premiati dalla bomba di Artioli che sancisce il vantaggio locale sul 49-48. La Premiata incassa il colpo e prova a rimanere attaccata all’avversario, grazie soprattutto alla tripla di Jovovic, ma sulla sirena Caverni sbaglia l’ultimo tiro che vale il vantaggio dei locali di 53-51 prima degli ultimi dieci minuti. I gialloblù partono bene nell’ultimo quarto trovando subito la via del canestro con Caverni che piazza la tripla del nuovo vantaggio Sutor. Artioli però non è da meno e risponde subito portando i suoi sul 56-54 così le due squadre iniziano a giocarsela punto a punto. Questa volta la benzina dei ragazzi di coach Ciarpella non finisce, come successo tre giorni fa, così con le unghie e con i denti Di Angilla e compagni riescono a difendere il piccolo vantaggio accumulato dagli attacchi rabbiosi dei padroni di casa. La gara si fa contratta come è normale che sia e di conseguenza sale il nervosismo con la Bakery che fatica a trovare buone soluzioni in attacco così come del resto la Sutor. Proprio da un errore in fase di impostazione dei gialloblù Piacenza riparte e riesce a pungere con Enzo Cena che a 1’27’’ dalla fine piazza la bomba che vale il 66-64 locale. La Premiata però non si abbatte e ritrova l’equilibrio con Panzieri che però sbaglia il tiro dalla lunetta aggiuntivo conquistato. Subito dopo il numerò 20 gialloblù è bravo a crederci e a pareggiare il canestro di Artioli ma i biancorossi con Perin trovano il nuovo vantaggio a 14’’ dalla fine. L’ultimo tentativo d’attacco sutorino porta sulla lunetta il capitano Riccardo Di Angilla che fa 1 su 2 consegnando così la vittoria alla Bakery Piacenza che si aggiudica l’incontro per 73 a 69.

 

Ce l’ha messa veramente tutta la Premiata per conquistare una vittoria che manca da troppo tempo dalle parti di Montegranaro ma anche stavolta non è bastato. La classifica rimane ferma ed ora la settimana infernale dei gialloblù si concluderà domenica con la gara esterna che si giocherà sul parquet della Goldengas Senigallia dove ci saranno in palio punti vitali in ottica salvezza.

 

Al termine della gara per la Sutor Basket Montegranaro è intervenuto Matija Jovovic:

“ E’ davvero un peccato per come è finita perché abbiamo combattuto fino alla fine e ci è mancato veramente poco per conquistare la vittoria – esordisce Jovovic – siamo comunque contenti della nostra prestazione ma ora dobbiamo ripetere questa prova e prepararci al meglio per la prossima importantissima sfida che ci attende tra qualche giorno a Senigallia. La classifica rimane corta però davanti abbiamo sempre meno partite da giocare, noi cercheremo di dare tutto in ogni sfida perché in palio ci sono sempre dei punti pesantissimi”.

BAKERY PIACENZA – SUTOR PREMIATA MONTEGRANARO  73-69

Bakery Piacenza: Udom 1, Pedroni 1, Artioli 9, Perin 13, Chiozza n.e., Bruno 7, De Zardo 12, El Agbani n.e., Cena 16, Birindelli 10, Vangelov 4

coach: Federico Campanella 

Sutor Premiata Montegranaro: Lupetti 5, Ragusa 1, Villa 3, Di Angilla 3, Jovovic 9, Caverni 17, Polonara 5 , Rovatti 16, Panzieri 10

coach: Marco Ciarpella

1° Arbitro: Vito Castellano di Legnano (MI)

2°Arbitro: Davide Mario Silvio Quadrelli di Cassano Magnago (VA)

Parziali: 20/21,14/15,19/15,20/18

Progressivi: 20/21,34/36,53/51,73/69

Ufficio Stampa Sutor Premiata Montegranaro

Altri articoli che ti potrebbero interessare

About Emanuele Muzi 2598 Articles
Ha militato in quasi tutte le società cestistiche tra Ancona e Chiaravalle, sospendendo la pallacanestro giocata nel 2011 dopo due buone stagioni al P73 ma rimanendo fortemente ancorato al gusto per il basket raccontato.