Fase nazionale serie C: la Janus Fabriano perde in casa contro Cerignola

Sette giorni, due pagine. La prima racconta di una Janus che sbanca Cerignola e tocca il cielo con un dito, la seconda è l’esatto opposto, l’UDAS passa al PalaGuerrieri e si riprende il sogno, lo strappa dalle mani di tanti cuori biancoblù. Finisce 55-68, è ribaltata la differenza canestri, Fabriano torna nella mischia e dice addio alla promozione diretta in Serie B.

Che partenza! Nick Nedwick è la solita macchina, spara con il suo immancabile arresto e tiro e lancia la Janus. Sergio Quercia riapre il manuale della pallacanestro, sfoglia qualche appunto e torna lì, su quella tacca bassa, dove Scarponi può soltanto prendere nota. Dall’altra parte però il terribile Ivan apre le danze dall’arco e mette in chiaro che sarà il nemico numero uno per coach Aniello. Ci pensano lui e Gambarota dalla linea della carità a tenere a galla Cerignola, che fatica e nei primi dieci minuti e lascia spazio a bandiere biancoblù ed esultanze dei più di mille sugli spalti. Coach Marinelli regola qualche meccanismo, piazza i paletti in difesa e Fabriano non si schioda più, fatica a trovare un tiro pulito ed al PalaGuerrieri cala già un silenzio di tomba. La squadra pugliese invece approfitta di qualche amnesia e continua ad aprire il fuoco dai 6,75metri. Quando tocca il massimo vantaggio sul 20-28, si inceppa anche lei, e salva Fabriano, che rimane in partita grazie a Michele Bugionovo. I beniamini di casa però non danno l’impressione di poter sparigliare le carte, inseguono nel punteggio e sul parquet, Scarponi diventa letteralmente un rebus, la torcida biancoazzurra si scalda e sulle ali dell’entusiasmo capitan Gianluca Tredici mette la Janus nei guai andando a rovesciare in sottomano. È buio. Nick Nedwick tenta di rimediare al passivo e di ridare speranze ai suoi, ma è tutto vano. Scarponi segna anche dalla panchina, qualsiasi pallone lanci in aria, trova la retina (chiuderà con 26 a referto ed 8 triple!). La ciliegina è la bomba di tabella, che lascia di stucco l’intero palazzetto. Passerella per Cerignola e tanto rammarico per Fabriano, che vede (quasi) sfumare il sogno chiamato promozione diretta. C’e’ anche da rincorrere la seconda piazza, con il percorso che partirà da Palermo, domenica 4, con palla a due alle ore 19.30.

Janus Basket Fabriano – Castellano UDAS Cerignola 55-68

Janus Basket Fabriano: Patrizi, Piloni 6, Bugionovo 5, Marini 4, Tarolis 4, Pandolfi 4, Zampetti, Cummings, Fanesi, Giuseppetti, Nedwick 25, Quercia 7. Allenatore: Daniele Aniello. Assistenti: Nuno Tavares, Fabio Panzini.

Udas Cerignola: Dimmito, Gambarota 8, Marchetti 6, Cota 2, Leo 5, Tredici 14, Scarponi 26, Romano 1, Ulano. Allenatore: Luigi Marinelli.

Arbitri: Tartamella e Attard

PARZIALI: 16-15, 24-31, 34-44, finale 55-68.
Ufficio Stampa Janus Basket Fabriano

L'immagine può contenere: una o più persone, persone che praticano sport e campo da basket

Altri articoli che ti potrebbero interessare

About Emanuele Muzi 2541 Articles
Ha militato in quasi tutte le società cestistiche tra Ancona e Chiaravalle, sospendendo la pallacanestro giocata nel 2011 dopo due buone stagioni al P73 ma rimanendo fortemente ancorato al gusto per il basket raccontato.