Serie C fase nazionale: la Janus Fabriano esce sconfitta a Lamezia

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePin on Pinterest

Non possono bastare dieci minuti di Janus per uscire a braccia alzate dal PalaSparti! Dopo la maiuscola prestazione difensiva contro Palermo, Fabriano ne prende 87 sul parquet lametino. Una sconfitta che rallenta la corsa dei biancoblù nel Girone C della Fase Nazionale. 87-74 il finale.

Il vantaggio biancoblù nei primi centoventi secondi è un fuoco di paglia perché al pupillo di casa classe ’99 Gaetano basta un piazzato dalla media per salire di temperatura. Diventa in un amen un rebus per coach Aniello e la sua Janus, che offensivamente, si blocca. Uomo a uomo i cartai, non tengono un passo! Pane buonissimo per Edgaras Stanionis a cui basta una finta di tiro ed un palleggio per arrivare al capolinea, se poi corre anche a tutto campo, piove sul bagnato. Serve il suo connazionale Valentas Tarolis per mettere una pezza su un primo periodo da cancellare: due appoggi fotocopia e tutti in panca. Non cambia nulla! Fabriano non carbura, Lamezia si adatta difensivamente e Rubino è pronto ad iscriversi al party dei locali, tripla e mazzata sul morale di una Janus che fatica a trovare la chiave di lettura. Sergio Quercia e Nick Nedwick tentano di aiutare timidamente il troppo solo BigV. Intervallo lungo? E’ quello che ci vuole! Dagli spogliatoi esce la vera Janus, coltello tra i denti ed intensità nelle due metà del campo. L’americano con la canotta numero 20 (Nedwick, ndr) si scolla di dosso il pensiero dei falli personali e corre …e quando si accende lui, si spegne il PalaSparti! Che colpi dall’arco di Michele Bugionovo e Sergio Quercia, Fabriano torna a contatto e prende per i capelli coach Ortenzi & Company. Alle 19 circa suona la sveglia di Rodrigo Monier: il 30 in canotta blu infila le scarpette ed inizia a pugnalare la Janus, che non riesce a rispondere! Diventa un monologo lametino, con Gennaro Rubino che strappa la carta d’identità (CLASSE 1976) e dai 6,75m diventa una macchina da guerra. Festa per i tanti tifosi in maglia gialla, rammarico per una Janus che rimane ferma a quota due in classifica. Testa alta però, strada lunghissima.

Occasione per cambiare tutto presto servita, domenica 21 Cerignola attende la truppa di coach Aniello. Palla a due fissata per le ore 19.30, vietato, ma davvero vietato, sbagliare. DAI FABRIANO!

Basketball Lamezia – Janus Basket Fabriano 87-74

Basketball Lamezia: Mangione, Ragusa, Antonicelli 6, Rubino 16, Fragiacomo, Di Gennaro, Gaetano 16, Costa 5, Lazzarotti 10, Stanionis 18, Monier 16. Allenatore: Leonardo Ortenzi. Assistente: Massimo Desumma.

Janus Basket Fabriano: Patrizi, Piloni 2, Bugionovo 13, Marini 2, Tarolis 19, Pandolfi 7, Zampetti, Cummings, Fanesi, Giuseppetti, Nedwick 14, Quercia 17. Allenatore: Daniele Aniello. Assistenti: Nuno Tavares, Fabio Panzini.

Arbitri: Paradiso e Grieco

PARZIALI: 26-14, 43-28, 61-57, finale 87-74.

Ufficio Stampa Janus Basket Fabriano

Altri articoli che ti potrebbero interessare

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePin on Pinterest
About Emanuele Muzi 835 Articles
Ha militato in quasi tutte le società cestistiche tra Ancona e Chiaravalle, sospendendo la pallacanestro giocata nel 2011 dopo due buone stagioni al P73 ma rimanendo fortemente ancorato al gusto per il basket raccontato.