Playoff Serie D. Il CAB Stamura stecca gara-1. Jesi passa all’overtime

cab stamura ancona

Vantaggio del fattore campo subito ribaltato dopo la prima gara dei playoff di Serie D. Al termine un avvincente sfida, decisa soltanto dopo un tempo supplementare, la Virtus Jesi strappa il servizio in casa del CAB Stamura di coach Benini. Un match-up che non rispecchia chiaramente i valori espressi dalla classifica finale della regular season. I leoncelli al completo, cosa raramente avvenuta lungo l’intera stagione, valgono molto di più dell’ottavo posto conseguito al termine del Girone A. Sensazione ampiamente confermata vedendo una squadra imbottita di fisicità e talento che per la categoria pare essere un lusso. Il CAB Stamura non ha avuto una delle sue serate migliori, grosso merito di resistere all’ottima partenza avversaria, e ha anche lunghi tratti vissuti con l’inerzia della partita in mano, ma i stamurini hanno sempre rovesciato il secchio del latte appena munto pagando una difesa non attenta ed attacchi a volte finalizzati da soluzioni troppo individualistiche.

Al PalaPrometeo Estra “L.Rossini” si vede una buona cornice di pubblico con tanto di “ultras” in curva pescati dal folto popolo di giovani cestisti stamurini. Jesi parte forte trascinata dai centimetri e atleticità del duo Mwana Zita-Babacar e, soprattutto, da Valentini che sarà autentica spina nel fianco per i padroni di casa per tutti i 45′. Ospiti sul 5-11 che poi diventa 7-16 e 9-22 con i biancoverdi troppo molli forse anche per la pressione dovuta all’importanza della partita. Un gioco da tre punti di Leo Bartolucci chiude i primi 10′ tutti di marca leoncella (14-24).

La musica cambia già nel 2°quarto quando il CAB Stamura si mette a ruggire alzando i colpi della sua proverbiale intensità. Il parziale di 9-2, finalizzato dalla tripla di Bartolucci, riporta a galla i locali (23-26) capaci di impattare a quota 28 con i liberi di Di Battista a 6’44” dall’intervallo lungo. E’ propio “Diba” il protagonista del buon momento stamurino con i ragazzi di Benini che mettono anche il naso avanti (31-30 a 5′ dalla sirena). Monteriù segna il 37-35 che illude forse i ragazzi in maglia bianca. Prima dell’intervallo Jesi produce un parzialone di 13-1 che fa tornare il vantaggio ospite sul +10 (38-48).

La Virtus tocca il massimo vantaggio a inizio di ripresa, ma è soltanto il preludio alla nuova ondata biancoverde. In tribuna le signore presenti si tengono strette le borsette perchè in campo Orlandini ruba l’impossibile (alla fine saranno 12 i recuperi del #5 biancoverde). Il picco di intensità difensiva produce un attacco pungente con Bartolucci nuovamente protagonista. Il risultato è che a 4′ dalla terza sirena il CAB Stamura è di nuovo in parità (53-53) e passa in vantaggio poco dopo con 5 punti di fila di “LB” (57-56). Jesi però ha il grossissimo merito di non mollare e di trovare canestri pesanti al momento giusto. Galiano e Valentini colpiscono da oltre l’arco favoriti anche da difensori molto lontani da essere tali (57-62). Naspi e Di Battista chiudono un terzo quarto frenetico e capace di produrre fiumi di adrenalina (61-62).

Il quarto periodo non può essere certo da meno rispetto agli altri che lo hanno preceduto. Ancona avanti grazie alle conclusioni vincenti di Bolognini (68-64) ma Jesi risponde puntuale come una sentenza, e sempre da tre punti. 4 triple consecutive della squadra di Nobili e ospiti ancora avanti (73-77) a 4′ dalla fine. Esce dalla mischia Babacar per falli ed è un sospiro di sollievo per Benini. La Virtus si presenta avanti 79-73 agli ultimi 3′ di tempi regolamentari, avrebbe anche l’occasione per allungare forse definitivamente ma stavolta il tiro pesante non trova successo. Sono allora i biancoverdi a tornare in sella grazie a Bolognini e alla tripla da urlo di Naspi che firma l’81-79 a -1’42” dallo stop. Jesi perde un paio di palloni importanti che però i dorici non sanno sfruttare. Valentini segna invece il canestro della nuova parità portando tutti al logico overtime (81-81).

Bolognini e Di Battista aprono il prolungamento, esce per falli anche “Bolo” e Jesi impatta a quota 85 con Elling. Magia di Naspi, cadendo all’indietro dall’angolo, per l’87-85 con il CAB Stamura che potrebbe addirittura allungare ma lo 0/2 di Di Battista farebbe imprecare anche un santo. A -2’25” dalla fine viene sanzionato un antisportivo a Bartolucci: Jesi di nuovo avanti 85-86. Si va avanti ormai più per inerzia che logicità cestistica. Bartolucci si carica la squadra sulle spalle e ne mette altri 3 con l’1/2 ai liberi e l’incursione di potenza in area (90-86). Ultimo minuto e mezzo in arrivo con Valentini che segna da 8 metri la tripla della speranza per gli ospiti (90-89). Dall’altra parte la sanguinosa palla persa provoca il contropiede in solitaria del vero MVP di gara-1 che segna l’ennesimo sorpasso della lunga serata.  Naspi in penetrazione fallisce il controsorpasso e mancano solo 60″. Jesi sbaglia, il CAB Stamura riparte ma Iurini a metà campo non controlla il pallone lasciando ancora il possesso ai leoncelli che si trovano con il match-ball in mano. Penetrazione di Galiano e fallo subito. Lunetta e 1/2 per il 90-92. Ci sono ancora 7″ da giocare, i biancoverdi trovano anche un paio di buone conclusioni da sotto ma l’energia e lucidità mancano anche per appoggiare al tabellone. 1-0 per Jesi nella serie e CAB Stamura con le spalle al muro. Giovedì a Jesi altra battaglia per sperare di portare tutto sabato al Palascherma.

Cab Stamura An – Virtus Jesi 90-92


CAB STAMURA: Bartolucci 21, Orlandini 3, Rexha 2, Iurini, Monteriù 17, Trovamala 2, Burdo 5, Cinti, Bolognini 15, Di Battista 14, Naspi 11. All. Benini. Ass.Pasqualini-Menghini

VIRTUS ’88 JESI: Mwana 8, Galiano 13, Lorenzetti 5, Candi ne, Giacchè, Valentini 23, Strappato, Elling 2, Montanari 16, Bartolucci 9, Bordoni 12, Kouyate 4. All. Nobili

Ufficio stampa Cab Stamura Ancona

Altri articoli che ti potrebbero interessare

About Emanuele Muzi 2602 Articles
Ha militato in quasi tutte le società cestistiche tra Ancona e Chiaravalle, sospendendo la pallacanestro giocata nel 2011 dopo due buone stagioni al P73 ma rimanendo fortemente ancorato al gusto per il basket raccontato.