Serie D: niente da fare per l’Aesis contro il Fermignano

aesis-98-jesi


NIENTE DA FARE NEL BIG MATCH PER L’AESIS’98.

All’AESIS’98, non riesce l’impresa di battere la corazzata Fermignano nel big match, e riaprire i giochi per la corsa al primo posto; rimane quindi imbattuta la formazione di coach Paolucci, che ora avrà più di un mese per preparare i playoff.

Sconfitta non indolore invece per i leoncelli, che ora devono guardarsi dal Marotta che con la vittoria casalinga accorcia ancora le distanze classifica, riapprendo il discorso in ottica secondo posto.

Partita molto spigolosa in cui le difese hanno avuto nettamente la meglio sugli atatcchi, come dice chiaramente il punteggio.

Solito Fermignano che si fa forte dello strapotere di Perini sotto canestro, ben coadiuvato dal bomber Tagnani, chirurgico soprattutto quando conta.

Polveri bagnate un po’ per tutti invece in casa jesina, ad eccezion fatta per il solito Mosca, che però da solo non basta a reggere l’attacco.

Unica nota stonata il fatto che una partita così importante, combattuta sino all’ultimo, sia stata condizionata in maniera troppo determinante da un paio di fischi arbitrali che nel finale hanno inesorabilmente indirizzato il match verso la squadra ospite; niente da eccepire sul fatto che Fermignano meritasse di vincere la partita, tanto quanto l’AESIS’98, ma ci sarebbe piaciuto che un match del genere fossero stati i giocatori a deciderlo, e non gli arbitri.

Parziali: 10-16 , 25-31 , 41-43 , 49-55.

AESIS’98 JESI: Mazzufferi, Strappato 2, Conte 15, Moretti, Peloni 2, Foschi, Santinelli, Cardinali, Mosca 24, Montanari 2, Rgni 4, Espinosa. All. Francioni

PALL. FERMIGNANO: Tagnani D. 1, Spadoni 6, Tagnani M. 21, Ambrosi 2, Rossi, Santi, Marchionni 4, Pontellini 4, Fulgini, Alleruzzo, Perini 17. All. Paolucci

Ufficio stampa Aesis Jesi

Altri articoli che ti potrebbero interessare

About Emanuele Muzi 2027 Articles
Ha militato in quasi tutte le società cestistiche tra Ancona e Chiaravalle, sospendendo la pallacanestro giocata nel 2011 dopo due buone stagioni al P73 ma rimanendo fortemente ancorato al gusto per il basket raccontato.